mercoledì 15 settembre 2010

FECONDAZIONE IN VITRO

Di Astrid Fataki

SPAGNA E REPUBBLICA CECA: NUOVE METE PER IL TURISMO DELLA FERTILITÁ.

Terminerà domani, 16 Settembre, il Congresso Mondiale sulla fertilità che si sta tenendo a Monaco, in questi giorni. Sarà presentato, per l'occasione, il codice che dovrà disciplinare le regole della Fecondazione in Vitro. Esso sarà, dapprima, pubblicato nell'autorevole rivista scientifica "European Society of Human Reproduction and Embryology" e, inseguito nel "International Federation of Fertility Societies".

"Entrambe le associazioni internazionali (IFFS ed ESHRE) riconoscono alle pazienti il diritto di andare all'estero e sottoporsi alla fecondazione assistita, nello stesso tempo, però, ammettono che bisogna armonizzare le norme che disciplinano questo settore", a dirlo è il professor Ian Cooke dell'IFFS.

Il divieto di tale tecnica, esistente in alcuni paesi, é la causa dell'incremento di coppie che si rendono nei paesi dove la fecondazione in vitro è legalizzata e i costi non sono eccessivi. Le mete favorite sono La Repubblica Ceca e la Spagna. In Spagna, ad esempio, una donatrice di ovuli riesce a guadagnare sino a € 900, mentre nella repubblica Ceca, € 800. In Gran Bretagna, la mancanza di donatrici e le lunghe liste di attesa sono la causa dell'esodo. Lo stesso vale per i donatori di sperma.

François Shenfield, coordinatore della commissione per il trattamento della fecondità assistita, dell'ESHRE (European società of Human Reproduction and Embryology), spiega: "Il Regno Unito impone alle cliniche di utilizzare non più di due ovuli in donne sopra i quarant'anni; in altre nazioni, invece è consentito l'utilizzo di quattro ovuli". Ciò mostra l'evidente aumento delle gravidanze multiple, che spesso comportano rischi per la madre e per i neonati. "Tuttavia, ogni nazione dovrebbe avere delle regole per ridurre eventuali rischi", ha poi terminato il Dott. Shenfield.

Da uno studio effettuato, si evince, come in pochi anni, ci sia stato un forte aumento di centri per la fertilizzazione. In poco tempo, nella sola India sono sorte circa 500 cliniche, in Giappone se ne contano circa 600. I ⅔ di queste cliniche sono sottoposte a controlli, la restante parte, invece, ne è priva.

Nei paesi cattolici, come l'Italia, la Polonia e la Spagna, la manipolazione, la sperimentazione degli embrioni non è consentita poiché, esso è considerato un essere umano sin dal primo giorno del suo concepimento.

Quali sono le norme attuali che regolano la "Fecondazione in vitro" nel resto del mondo?

In Germania, è consentito il congelamento degli embrioni. Per tentare tale trattamento, le coppie devono produrre embrioni "Freschi".

In Francia, le lesbiche non possono rivolgersi a donatori di sperma.

In Norvegia, gli omosessuali sono esclusi dalla Fecondazione in Vitro.

Nel sud dell'Africa, la legge consente l'affitto di madri surrogate.
Fonte: The indipendent



1 commento:

  1. Ciao, io mi sono dovuta rivolgere all'estero per problemi di fertilità presso il Mediterranean Fertility Center in Grecia. Lo staff è altamente specializzato e disponibile e mi ha ridato la speranza che purtroppo l'Italia mi aveva tolto.
    Per chi ha problemi di fertilità che non può risolvere qua vi consiglio di visitare il loro sito web, http://www.fertilitycenter-crete.gr/.

    Spero di essere stata utile...

    RispondiElimina